Metafrasis

Contact Metafrasis

 

Associazioni

ANITI

 L’Associazione Nazionale Italiana Traduttori e Interpreti è un'associazione, senza fini di lucro, costituita nel 1956.
Tra i suoi scopi ha quello di definire le migliori condizioni e prestazioni professionali degli associati e garantirne la comprensione ed il rispetto; promuovere l'aggiornamento, istituendo iniziative formative; favorire la diffusione dell'informazione e approfondire, con l'istituzione di appositi gruppi di lavoro, ogni aspetto inerente la professione del traduttore e interprete.
L'associazione è altresì impegnata nella promozione e sostegno di azioni legislative volte al riconoscimento di uno stato giuridico professionale e dei principi di reciprocità in ambito Comunitario e Internazionale.

AITI

Fondata nel 1950, l'Associazione Italiana Traduttori e Interpreti è un sodalizio senza scopo di lucro di traduttori e interpreti professionisti.
L'AITI è membro fondatore della Fédération Internationale des Traducteurs (FIT), organismo non governativo che intrattiene relazioni formali di consultazione con l'UNESCO, formato da oltre sessanta Associazioni nazionali di traduttori e interpreti.
L'AITI si prefigge di promuovere la definizione delle migliori condizioni e prestazioni di lavoro di traduttori e interpreti e garantirne il rispetto; promuovere iniziative legislative volte al riconoscimento di uno stato giuridico professionale, del diritto d'autore a favore dei traduttori e dell'insegnamento della tecnica di traduzione in istituti di istruzione a vari livelli; promuovere l'aggiornamento professionale di traduttori e interpreti, la raccolta e la diffusione di informazioni riguardanti la professione, nonché la collaborazione con gli istituti di formazione di traduttori e interpreti.

La Presidenza Nazionale ha sede in Roma, Via Pineta Sacchetti 171, c.a.p. 00168.

Norme per l’ammissione:
Traduttori per l'editoria
Pubblicazione in data recente di almeno due libri di buon livello che siano dello stesso genere (letterario, tecnico o scientifico) e tradotti dalla stessa lingua. È richiesta la pubblicazione di due libri per ogni lingua o genere.

SNS

Il Sindacato Nazionale Scrittori, è stato fondato nel 1945 su iniziativa di Corrado Alvaro, Libero Bigiaretti, Francesco Jovine in accordo con Giuseppe Di Vittorio e la Cgil, divenendo erede di un istituzione sindacale che, sotto vari nomi (Sindacato autori e scrittori, etc.), esisteva dal 1928 e che, accanto ad altre consimili organizzazioni (Sindacato Nazionale Artisti, etc.), faceva parte della Federazione fascista delle arti e delle professioni, tutte registrate nella Legge sul Diritto d'Autore del 1941 come organizzazioni obbligatorie delle professioni intellettuali.

In tal modo l'SNS ha potuto essere finanziato per legge attraverso il "diritto di frontespizio" inteso come contributo degli scrittori al Sindacato e alla propria cassa mutua (oggi tale cassa non esiste più essendo stata sostituita da un Ente apposito, l'Enap, che per statuto ha piuttosto delle funzioni di promozione professionale a vantaggio dei propri iscritti che non previdenziali).
Nel corso degli anni '80, l'SNS si è affiliato alla Cgil, poi divenendo una delle categorie della Cgil stessa.

Con il congresso del 1998, l'SNS è uscito dalla Cgil (rimanendovi legato da un protocollo di Intesa in fase di stipula) avviando una fase di riorganizzazione tesa al rilancio dell'organizzazione e ad una sua nuova collocazione nel panorama culturale italiano.
L'attuale struttura mira alla creazione di sezioni regionali (già formate quella del Lazio, della Puglia in via di formazione quella della Lombardia, dell'Emilia Romagna, della Toscana) e di sezioni tematiche (già formate quella della Drammaturgia, quella dei Traduttori, in via di formazione quella degli audiovisivi).

Insieme ad altre organizzazioni di categoria di autori, l'SNS fa parte della Federazione Autori Italiani e dell’EWC (European Writers Congress), federazione che riunisce i sindacati di scrittori di molti paesi europei. Propri membri sono presenti nelle commissioni presso il Ministero per i Beni Culturali (Commissione Revisione Diritto d'Autore, Comitato per la Diffusione del Libro Italiano all'Estero, Commissione per i Premi della Cultura), inoltre esponenti dell'SNS sono stati eletti negli organismi della SIAE.

 Sede: Via Ofanto, 18, 00198 Roma
Tel. 0685302566/67  Fax: 0685302563/w
ww.sindacatoscrittori.net

SITL

 Il Sindacato Italiano Traduttori Letterari, è un'associazione nata nel 1985, con il criterio di lavorare dall'Europa "verso" l'Italia, per omologare le norme sul piano europeo.
I risultati di omologazione su piano europeo sono però molto lenti e il SITL, per il momento, è rappresentato in commissioni ministeriali italiane ma non presso organismi europei, se non, ufficiosamente, attraverso il (Conseil Européen des Associations de Traducteurs Littéraires).
Riunisce traduttori letterari che abbiano pubblicato a loro nome la traduzione di almeno 5 libri. I soci sono in maggioranza traduttori europei che lavorano dall'italiano.

 Il SITL al momento non ha un sito web. Per informazioni, contattare: citlsitl@libero.it

 


______ Metafrasis.it© 2004-2011 All right reserved - 800 x 600 ppp. 16 Bits Colors